INUCOMUNICA

La consultazione della Community "Porti città territori" sulla nuova normativa sulla pianificazione portuale. L'intervento di Davide Maresca

13/01/2022

La Community dell'INU "Porti città territori", coordinata da Rosario Pavia, apre una consultazione sulla nuova normativa sulla pianificazione portuale. Il Decreto Legge “Investimenti e Sicurezza Infrastrutture” (DL 121/2021), convertito in L.156/2021, in un’ottica di semplificazione delle procedure relative alla pianificazione portuale, introduce importanti modifiche dell’art. 5 della L.84/94 (Riordino della legislazione in materia portuale). Secondo la nuova normativa i piani portuali saranno approvati dai Comitati di gestione delle Autorità di Sistema Portuale, modificando radicalmente il dispositivo precedente che affidava alle Regioni tale competenza. Nel nuovo iter procedurale un ruolo significativo viene assegnato al Documento di Pianificazione Strategica si Sistema (DPSS) che si configura sempre più come uno strumento decisivo per la pianificazione logistica territoriale. Anche i DPSS sono approvati dai Comitati di gestione delle Autorità di Sistema Portuale. La nuova normativa, nel sottolineare che “Il PRP è un piano territoriale di rilevanza statale e rappresenta l'unico strumento di pianificazione e di governo del territorio nel proprio perimetro di competenza" delinea una strategia di centralizzazione delle competenze su cui è necessario aprire un confronto. 

 

- Davide Maresca (avvocato marittimista), già pubblicato da Port News - Porti, attività pianificatorie più snelle Il frutto avvelenato della semplificazione (newsletter del 15 gennaio 2022)
- Jacopo Riccardi (Regione Liguria) - Lettura di un sottotesto: i porti di Stato - la nuova normativa in materia di pianificazione portuale (newsletter dell'8 gennaio 2022)


Disponibili qui le precedenti consultazioni