URBANISTICA AL TEMPO DEL COVID-19
vai ai post

I virus passano le città restano

Mario Spada

29/06/2020

La situazione che stiamo vivendo a causa della pandemia da coronavirus è parte di un processo complesso, che mescola aspetti sanitari, sociali, economici e che disegnerà una nuova organizzazione del territorio.
Territorio è la parola evocata stavolta non dai professionisti del territorio ma dai medici lombardi che hanno denunciato l’errore di concentrarsi sull’ultima trincea, gli ospedali, quando sarebbe stato necessario organizzare meglio le strutture territoriali di base.
Il territorio vedrà una ripresa controllata delle attività, ripensamenti e marce indietro , azioni di natura sanitaria e reazioni di natura economica. Un processo che cambierà abitudini, comportamenti, stato sociale, con la minaccia incombente di nuove drammatiche povertà. Un gigantesco esperimento sociale (internazionale 28 aprile) che già riguarda 3 miliardi di persone con conseguenze sociali e psichiche inedite.

ARTICOLI CORRELATI

La città e la peste

Oriol Nel.lo, geografo e blogger catalano

Dobbiamo immaginare strutture flessibili per un urbanesimo aperto

Richard Sennett intervistato da Giuliano Battiston, di chefare.com

Oltre la crisi progettiamo il futuro

Daniele Archibugi, Laura Pennacchi, Edoardo Reviglio