Urbanistica Italiana

URBANISTICA ITALIANA Srl, in sigla URBIT, è stata costitutita dall’Istituto Nazionale di Urbanistica il 26 ottobre 2000. Il Consiglio Direttivo Nazionale dell’INU ne ha disciplinato l’attività attraverso la formulazione di “Linee Guida”. Nel 2002-03 URBIT Srl ha redatto, per incarico dell’INU, il “Rapporto dal Territorio 2003”, presentato al XXIV Congresso dell’Istituto (Milano, giugno 2003). Nel 2004 URBIT Srl ha promosso “UrbanPromo 2004”, evento di Marketing Urbano (Venezia, 10-20 novembre 2004). URBIT Srl è retta da un Consiglio di Amministrazione composto da Stefano Stanghellini (presidente), Massimo Giuliani, Simone Ombuen, Michele Talia. Il Direttore Tecnico è Manuela Ricci.

STATUTO
della “URBANISTICA ITALIANA – URBIT s.r.l.”
(estratto)

Denominazione – Scopo – Sede – Durata
Articolo 1
– E’ costituita una società a responsabilità limitata sotto la denominazione sociale “URBANISTICA ITALIANA s.r.l.”, in sigla “URBIT s.r.l.” (…) Articolo 2 – La società ha sede legale in Roma, piazza Farnese 44. (…) Articolo 3 – La società ha per scopo la valorizzazione e la diffusione del patrimonio di competenze tecniche scientifiche e culturali proprie dell’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU) e dei suoi soci attraverso lo svolgimento di studi e ricerche finalizzati alla conoscenza dell’ambiente e del territorio, a provvedimenti legislativi ed alla loro attuazione, ad atti di pianificazione, o comunque alla gestione e soluzione di problemi relativi all’ambiente, al territorio ed all’edilizia. Tali studi e ricerche possono essere svolti sia autonomamente, sia su commissione dello Stato, delle Regioni e degli Enti locali e più in generale dei soggetti pubblici e privati interessati ad un uso sostenibile, efficace ed efficiente, equo e democratico, del territorio e dell’ambiente. La Società può inoltre curare l’organizzazione di congressi, convegni, rassegne e altre manifestazioni culturali per conto dell’INU ed eventualmente per conto di altri soggetti, in coerenza con le finalità dell’INU, a condizione che non rientrino nel campo statutario di attività di INU Edizioni srl e della Fondazione Astengo. (…)

Capitale
Articolo 5
– Il capitale sociale, fissato in lire 50.000.000 (cinquantamilioni), sottoscritto per intero dall’INU (…)

Amministrazione e Organi
Articolo 11
– La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione, composto da tre a sette membri. (…) Gli Amministratori, che possono essere anche non soci, vengono eletti dall’Assemblea e sono rieleggibili. La durata del loro mandato è triennale (…) Articolo 12 – Il Consiglio, qualora non vi abbia provveduto l’Assemblea, nomina nella sua prima adunanza tra i suoi membri il Presidente e può eleggere uno o più Vice Presidenti. Il Consiglio può nominare uno o più Amministratori Delegati, anche nella stessa persona del Presidente, e nomina l’eventuale Direttore Tecnico. (…)

LINEE GUIDA
di “URBANISTICA ITALIANA – URBIT s.r.l.”
STABILITE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE DELL’INU
(sintesi)

Campo di attività Il campo di attività di URBIT Srl è delimitato da un lato dal principio del pubblico interesse, che sostanzia le attività di pianificazione, gestione ed uso del territorio, e dall’altro dal contenuto culturale delle attività stesse. Il riconoscimento esplicito di questi due caratteri costituisce condizione necessaria per l’assunzione e/o lo svolgimento di attività da parte di URBIT quale società operativa dell’INU. Finalità Le finalità della società operativa sono duplici: da un lato, la razionalizzazione economica e produttiva delle attività volontaristiche svolte dall’Istituto, mantenendone il carattere ed integrandolo con i necessari contributi, anche esterni, al fine di poter rispondere alla domanda in termini concorrenziali e di efficienza; dall’altro, l’arricchimento, la costruzione, la sedimentazione e la trasmissione del patrimonio culturale e disciplinare maturato dalla società stessa, anche attraverso le altre strutture operative dell’Istituto (Fondazione Astengo, INU Edizioni). Natura non profit URBIT Srl, pur esercitando attività in cui è rilevante la componente economica e produttiva, trasferisce tutti i propri utili all’INU che li utilizza per perseguire i suoi fini statutari. In questo modo l’INU, anche attraverso questa sua emanazione societaria, conserva la propria natura di istituzione senza fini di lucro. I membri del Consiglio di Amministrazione di URBIT Srl ed il Direttore Tecnico svolgono la propria attività a titolo gratuito.

 

I commenti sono chiusi.