Archivi tag: regioni

Fondi Ue, il governo sostituirà le regioni lente

02/09/2014
Nello Sblocca – Italia inserita una norma che punta a migliorare l’efficienza di spesa dei fondi europei: il governo potrà sostituirsi alle Regioni inadempienti. L’articolo de Il Messaggero

Province, trasferimenti per 30mila dipendenti

02/09/2014
Ormai dovrebbero mancare una manciata di giorni all’accordo che sancirà le competenze delle nuove Province, così come sono state delineate dalla legge Delrio. Un passaggio che inciderà sulla vita di migliaia di dipendenti ma che presenterà delle differenze da regione a regione. L’articolo de Il Messaggero

La resistenza delle vecchie Province, la legge Delrio ancora nel limbo

24/08/2014
L’eliminazione delle Province finora è stata solo virtuale, perché il provvedimento che dovrà redistribuirne le funzioni non è ancora stato emanato e i vecchi enti continuano a operare. Con tutte le incertezze e le ambiguità del caso. L’articolo di Sergio Rizzo sul Corriere della Sera

Oltre venti materie tornano allo Stato centrale

10/08/2014
Ci sono l’ambiente, le infrastrutture e l’energia tra le materie che, con la riforma del Titolo V approvata in prima lettura al Senato, torneranno di competenza statale. L’articolo del Sole 24 Ore

Tagli ai Comuni: il “salvagente” aiuta Roma e Milano

06/08/2014
Mentre una clausola adhoc riduce i tagli per le grandi città, manca ancora l’accordo necessario ad avviare la redistribuzione del personale delle Province ai Comuni e alle Regioni, indispensabile per il concreto avvio della riforma Delrio. L’articolo del Sole 24 Ore

Patto di stabilità, le Regioni diano priorità alla difesa del suolo

05/08/2014
Le ultime novità normative consentiranno ai presidenti di Regione di diventare commissari straordinari per la difesa del suolo nei territori di competenza. E’ un’opportunità per fare del contrasto al rischio idrogeologico una priorità e per sbloccare i tanti interventi che la burocrazia ha fatto incagliare negli anni scorsi. L’articolo del Sole 24 Ore

Titolo V, risparmi non automatici

24/07/2014
La riforma del Titolo V della Costituzione, per come si va configurando, non sarà risolutiva dei vizi e delle inefficienze del regionalismo italiano. Occorreranno passaggi e chiarimenti ulteriori. L’articolo del Sole 24 Ore

Fabbisogni standard, pronti i decreti

22/07/2014
Nei prossimi mesi, passata la trafila amministrativa, entreranno in vigore una serie di provvedimenti che aumenteranno la quota dei finanziamenti alle Province e ai Comuni distribuiti sulla base dei fabbisogni standard piuttosto che sulla spesa storica. L’articolo del Sole 24 Ore

L’ambiente è competenza dello Stato, dannose troppe deleghe alle Regioni

18/07/2014
Momento decisivo per la battaglia del gruppo di associazioni (tra cui l’Inu) per arrivare a una stesura chiara della parte della riforma del Titolo V della Costituzione che regola le competenze in materia ambientale. La richiesta è di affidarle senza ambiguità allo Stato. Un segnale positivo è arrivato dalla maggioranza, ora si aspetta che venga raccolto dal governo. Gli articoli del Corriere della Sera e del Sole 24 Ore e il comunicato stampa delle associazioni 

Governo del territorio, riforma da affrontare con attenzione

16/07/2014
Siamo nel mezzo di una fase importante di riforma dell’architettura dello Stato: abolizione delle Province per come le abbiamo conosciute finora, nuovo Titolo V, nascita delle Città metropolitane. L’auspicio è che la pianificazione e il governo del territorio ne traggano giovamento. L’articolo della presidente dell’Inu Silvia Viviani da L’Architetto

Ambiente verso il ritorno alla competenza dello Stato

16/07/2014
Dopo la segnalazione delle associazioni (nel gruppo anche l’Inu) che hanno fatto presente i rischi insiti nella stesura della parte della riforma del Titolo V che riguarda le competenze ambientali, la maggioranza è orientata a dare maggiore chiarezza al passaggio assegnando in modo netto le scelte in materia ambientale allo Stato. L’articolo del Sole 24 Ore e il comunicato stampa di reazione delle associazioni

Il nuovo Titolo V è pronto per l’Aula

10/07/2014
Termina il lavoro della Commissione Affari Costituzionali del Senato sulla riforma del Titolo V della Costituzione, ora comincia quello dell’Aula. Lo scopo della riforma era eliminare le inefficienze derivate dalla scarsa chiarezza nella suddivisione dei poteri tra Stato e Regioni. Si “salvano” le Regioni e le Province autonome, contestata la scelta sulle competenze ambientali. Gli articoli del Sole 24 Ore con la presentazione della riforma e la scelta sulle Regioni autonome e le competenze ambientali e l’articolo di Greenreport con la lettera delle associazioni (tra cui l’Inu) ai relatori della riforma

Il governo sposta 1,5 miliardi di fondi Ue

08/07/2014
L’esecutivo, per riparare ai ritardi di spesa dei fondi della programmazione europea 2007 – 2013, sposta una parte di risorse su altri programmi, compreso il piano per l’edilizia scolastica. L’articolo del Sole 24 Ore

Ambiente, cultura e turismo: le Regioni riconquistano potere

22/06/2014
L’ultima versione della riforma del Titolo V  in discussione in Senato amplia le possibilità e le potestà delle Regioni. Un pericolo di scivolare di nuovo nella sovrapposizione con le competenze dello Stato? L’articolo del Sole 24 Ore

Verso le città metropolitane, nel Sud è tutto più difficile

13/06/2014
Atti importanti quelli impostati dal governo per quanto riguarda l’istituzione delle città metropolitane e l’avvio della discussione sulla riforma urbanistica nazionale. Ma nel frattempo ci sarebbero altri provvedimenti da mettere in campo, a cominciare dalle macroregioni e dalla messa a punto di una strategia efficace per l’assegnazione delle risorse europee per lo sviluppo delle città. L’articolo del Corriere del Mezzogiorno

Regioni, i rischi della riforma

15/05/2014
I rilievi del costituzionalista Ugo De Siervo sul disegno di legge che riforma il Titolo V, che riguardano in particolare la disparità tra le Regioni a statuto ordinario e quelle a statuto speciale. L’articolo de La Stampa

Titolo V e nuova legge urbanistica, intervengono gli architetti

07/04/2014
Il Consiglio nazionale degli architetti plaude al progetto di riforma del Titolo V messo a punto dal governo. E chiede una nuova legge urbanistica nazionale. L’articolo dell’inserto de la Repubblica “Affari e finanza”

Le Regioni: troppe competenze centralizzate

04/04/2014
Arrivano i primi rilievi dei presidenti delle Regioni alle riforme messe a punto dal governo su Senato e Titolo V: i governatori vogliono chiarezza sui poteri, meno centralismo e una rappresentanza calibrata dei Consigli regionali nel nuovo Senato. L’articolo del Sole 24 Ore

Il Senato e il Titolo V del governo Renzi

01/04/2014
Il Consiglio dei ministri vara il ddl costituzionale che contiene la riforma del Titolo V della Costituzione e il nuovo Senato, che diventa di fatto una Camera dove vengono rappresentati i Comuni più grandi, con i sindaci, e le Regioni, con i governatori e membri dei Consigli. Di nuovo rispetto alle anticipazioni c’è la dicotomia tra le norme generali del governo del territorio, che vanno allo Stato, e l’urbanistica, che va alle Regioni . Spunta, tra le deleghe attribuite allo Stato, “l’ordinamento degli enti di area vasta”. Gli articoli del Sole 24 Ore e de l’Unità

Negli anni del federalismo fisco regionale a 81,4 per cento

01/04/2014
Tra le ragioni più importanti che inducono a ritenere necessaria la riforma del Titolo V della Costituzione ci sono l’aumento esponenziali dei conflitti tra Stato e Regioni di fronte alla Corte costituzionale e l’aumento vertiginoso di spesa pubblica “decentrata”, a cui non è corrisposta una parallela diminuzione degli impegni finanziari dello Stato centrale. Risultato: in poco più di dieci anni il “nuovo” Titolo V ha prodotto un secco aumento della pressione fiscale complessiva. L’articolo del Sole 24 Ore