Archivi tag: prevenzione

Il climate change è una bomba sull’Adriatico

31/05/2018
Venezia, la sua laguna e il delta del Po sono tra le zone del mondo più esposte all’aumento del livello marino. Fragili già oggi, anche per via della subsidenza, queste terre ora sono condannate dall’aumento progressivo del livello marino dovuto ai cambiamenti climatici. Attualmente gli oceani globali aumentano a un tasso di circa 3 millimetri l’anno, e hanno già guadagnato una ventina di centimetri nell’ultimo secolo. L’articolo de La Stampa

Accupoli: il primo edificio in compensato autoportante ricuce le ferite del sisma

28/05/2018
L’edificio antisismico in legno prefabbricato, progettato per ricucire le ferite del sisma che ha colpito Accumoli nel 2016, è diventato realtà.  Qual è la particolarità di Accupoli? Essere il primo edificio in Italia ad avere elementi portanti in legno compensato. Da sabato 26 maggio la struttura, ideata da Lorena Alessio in collaborazione con gli studenti del Politecnico di Torino, è esposta tra gli immobili d’avanguardia del viaggio virtuale di Arcipelago Italia, a cura di Mario Cucinella, alla Biennale di Architettura di Venezia. L’articolo di Edilportale

Che tempo farà? Ora ci vuole una laurea

16/05/2018
Cresce la centralità della meteorologia nella nostra società, sempre più importante in settori come quello connesso alle attività di Protezione civile. Di conseguenza la figura del meteorologo, anche nel nostro Paese, richiede specializzazioni e certificazioni. L’articolo de la Repubblica

La rete idrica è un colabrodo

16/05/2018
Le condizioni critiche della nostra rete idrica, gli sprechi e i danni per i cittadini. L’articolo di Milena Gabanelli dal Corriere della Sera

Cambiamenti climatici e progetti di resilienza urbana: il corso di formazione di Inu e Comune di Livorno

04/05/2018

L’Istituto Nazionale di Urbanistica e il Comune di Livorno in collaborazione con l’Ordine degli architetti locale organizzano nella città toscana un corso nella forma del laboratorio urbano incentrato sulle sfide poste alla pianificazione dai fenomeni connessi al cambiamento climatico. Il Seminario di apertura si è svolto il 3 maggio scorso, i tre “moduli” ci saranno l’11, il 17 e il 23 maggio prossimi. Il comunicato stampa

L’Italia delle scuole che crollano

15/05/2018
Il pessimo stato complessivo di manutenzione del patrimonio di edilizia scolastica nel nostro Paese, situazione aggravata da una Anagrafe che ancora non esiste. L’articolo di Gian Antonio Stella dal Corriere della Sera

Sarno, una catastrofe che ha insegnato poco o nulla

06/05/2018
A vent’anni dal disastro di Sarno in Campania, tirare le somme e scorgere un miglioramento nella coscienza e nell’attività dei governi sul versante della prevenzione dal rischio idrogeologico è arduo. Gli articoli de il manifesto, la Repubblica e La Stampa

Il sismabonus ampio supera i dubbi delle direzioni locali

04/05/2018
Ecco i requisiti dettati dall’Agenzia delle entrate perché il sismabonus possa essere utilizzato anche nei casi di demolizione e ricostruzione. L’articolo del Sole 24 Ore

Sismabonus alle demolizioni con ricostruzione

02/05/2018
Il sismabonus, l’incentivo fiscale per la messa in sicurezza degli immobili, può essere utilizzato anche per le operazioni di demolizione e ricostruzione. Il chiarimento dell’Agenzia delle entrate. L’articolo del Sole 24 Ore

Cambiamenti climatici, i media sul corso Inu – Comune di Livorno

26/04/2018
Le uscite sui media del corso/laboratorio urbano di Inu e Comune di Livorno, che si terrà nella città toscana in quattro riprese a maggio. Gli articoli de Il Giornale della protezione civileIl Telegrafo, Il Telegrafo online, Ingenio e Il Giornale dell’architettura e Il Telegrafo in un’uscita del 7 maggio

Cambiamento climatico e resilienza urbana: l’iniziativa innovativa di Inu e Comune di Livorno

24/04/2018
Come può rispondere il governo del territorio alle sfide poste dal cambiamento climatico? E’ possibile, e in che modo, prevenire e gestire attraverso la pianificazione urbanistica fenomeni come le frane, gli allagamenti, le tracimazioni, dando un contributo concreto in termini di sicurezza delle popolazioni e di risparmio di risorse che occorrono in misura maggiore in caso di interventi successivi, in un contesto di emergenza?

Sono le domande a cui vuole rispondere il corso di formazione, organizzato nella forma del laboratorio urbano, “Cambiamenti climatici e progetti di Resilienza urbana”, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e dal Comune di Livorno, in collaborazione con l’Ordine degli architetti locale, nella città toscana. L’iniziativa prevede quattro appuntamenti: un seminario di apertura il 3 maggio, e tre “moduli”, l’11, il 17 e il 23 maggio, al Cisternino di piazza Guerrazzi, sempre a partire dalle 15.

“E’ una iniziativa che riassume quella che è una urgenza della pianificazione urbanistica contemporanea – spiega la presidente dell’Inu, Silvia Viviani – una disciplina che sta attraversando una fase di forte cambiamento perché stanno cambiando i bisogni delle comunità e dei territori. L’Inu, in particolar modo a partire dal Congresso di due anni fa, ha l’ambizione e l’obiettivo di fornire un contributo culturale concreto perché l’urbanistica si metta al passo con queste nuove esigenze: la gestione e il governo dei fenomeni legati al cambiamento climatico vi rientrano a pieno titolo”.

Non è ovviamente un caso che l’iniziativa si svolga a Livorno, città drammaticamente colpita, nel settembre scorso, da un’alluvione, e che il Comune la organizzi.

“Mai come oggi sono in corso cambiamenti climatici importanti che richiedono risposte integrate a tutti i livelli, a partire da quello globale fino a quello di ambito più locale – spiega il sindaco di Livorno Filippo Nogarin – Ogni territorio ha le sue caratteristiche e le sue specifiche vulnerabilità, per questo è importante che tutti i soggetti coinvolti a vario titolo su queste tematiche possano dare ciascuno il suo contributo nell’ottica di trovare risposte adeguate, sia in termini di sicurezza dei cittadini che di risparmio delle risorse necessarie a gestire il post emergenza, in una chiave di sviluppo sostenibile. Per questo abbiamo scelto di essere al fianco di Inu nel mese di maggio con una serie di incontri formativi aperti a tutti i cittadini, per condividere idee, punti di vista e progetti, nella consapevolezza che la loro conoscenza consentirà di effettuare una migliore pianificazione del territorio, riducendo gli effetti negativi dei cambiamenti in atto”.

Al seminario di apertura del 3 maggio, oltre al sindaco e alla presidente Inu, parteciperanno l’assessore all’Urbanistica Alessandro Aurigi, Franco Landini e Francesco Alberti di Inu Toscana, l’urbanista Francesco Musco, la vicepresidente dell’Ordine degli architetti della Provincia di Livorno Vittoria Ena, il presidente dell’Ordine regionale dei geologi Riccardo Martelli, il presidente provinciale dell’Ordine degli agronomi Andrea Costanzo, il dirigente del Dipartimento Politiche del Territorio del Comune Paolo Danti. Concluderà il segretario generale dell’Inu, Luigi Pingitore.

Agli appuntamenti formativi dell’11, del 17 e del 23 maggio si alterneranno esperti dell’Inu nei diversi e specifici campi che hanno a che vedere con la gestione dei cambiamenti climatici, la sostenibilità, la prevenzione dal rischio idrogeologico: Francesco Musco dell’Università Iuav di Venezia sull’adattamento climatico, con particolare attenzione ai contesti costieri, con un workshop operativo (11 maggio), Andrea Arcidiacono del Politecnico di Milano sulla gestione del suolo (17 maggio), Simona Tondelli dell’Università di Bologna sulla Valutazione ambientale strategica (17 maggio), Carlo Gasparrini dell’Università di Napoli sulle infrastrutture blu e verdi (23 maggio) e Francesco Alberti dell’Università di Firenze sulle diverse applicazioni della resilienza (23 maggio).

 

Per informazioni
Andrea Scarchilli
Ufficio stampa Inu
mob: 3296310585

Una voragine ogni due giorni: Roma capitale della fragilità

07/04/2018
Frane, voragini, in generale una situazione gravissima di rischio idrogeologico fotografata da un dossier messo a punto a più mani e da più autorità, tra cui l’Ispra. Si parla di Roma: stimato almeno un miliardo di euro di risorse necessarie per la messa in sicurezza. Gli articoli de La Stampa e la Repubblica

Crollano le mura a San Gimignano: “I piccoli borghi lasciati soli”

04/04/2018
Il crollo di un tratto delle mura medievali di San Gimignano induce a riflettere sullo stato di conservazione e le azioni necessarie per il nostro patrimonio artistico e monumentale, specialmente nei piccoli borghi. L’articolo de la Repubblica

In Italia trentamila ponti a rischio

07/03/2018
Ponti e cavalcavia nel nostro Paese, il problema della manutenzione sempre più urgenti a fronte di fondi che scarseggiano. Un’analisi. L’articolo del Corriere della Sera

Fermiamo la metropolitana di Capri

03/03/2018
Alcune ragioni, ambientali ma che attengono anche alla programmazione turistica, di contrarietà al progetto della metropolitana a Capri. L’articolo de la Repubblica

Cosa propongono di fare i partiti per l’ambiente e il territorio?

02/03/2018
Ambiente, città, sostenibilità: un riepilogo delle proposte delle principali liste in vista delle elezioni politiche di domenica. Le pagine de la Repubblica

Quel paesaggio unico al mondo ignorato dal potere

02/03/2018
Passa anche per il governo delle aree urbane la predisposizione di una politica che possa finalmente guardare all’ambiente, alla prevenzione e al contrasto dei cambiamenti climatici come a delle priorità. L’articolo di Cesare de Seta da la Repubblica

“Un piano a tutela del territorio”

28/02/2018
Investimenti per la messa in sicurezza del territorio ma anche interventi a tutela della professione. Sono i contenuti del Manifesto di Fondazione Inarcassa presentato in vista delle elezioni politiche. L’articolo di Italia Oggi 

Le fragilità che frenano l’Italia

27/02/2018
Le fragilità del nostro sistema Paese, che emergono con evidenza a ogni evento fuori dall’ordinario come una nevicata, non riguardano solo la dotazione infrastrutturale, ma anche un certo modo di intendere l’amministrazione e la cosa pubblica. L’articolo de Il Mattino

Boschi a rischio per legge: tagli facili e speculazione

27/02/2018
Oltre 200 tra scienziati, tecnici e ricercatori criticano il Testo unico forestale in procinto di essere approvato in via definitiva dal governo. L’articolo de il Fatto quotidiano