Archivi tag: consumo di suolo

Non si ferma il consumo di suolo

23/06/2017
La presentazione del Rapporto Ispra ieri a Roma registra la prosecuzione, nel nostro Paese, della tendenza a consumare nuovo suolo. Gli articoli di Avvenire e La Stampa

Consumo di suolo, l’Inu alla giornata milanese con il Rapporto Crcs

23/06/2017
A Milano  il 4 luglio prossimo una giornata sullo stato ambientale dei suoli: verranno presentati insieme i rapporti che descrivono la situazione dei suoli. Ci sarà la nuova edizione del rapporto del Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo (Politecnico di Milano, Istituto Nazionale di Urbanistica, Legambiente), che presenta un approfondimento a scala europea basato sulle analisi prodotte dalla CE sulle minacce al suolo negli Stati Membri,  il rigoroso e puntuale rapporto ISPRA sul consumo di suolo in Italia e approfondimenti regionali e quello curato dal Politecnico di Bari. Sarà anche una giornata straordinaria di raccolta firme della Iniziativa dei Cittadini Europei “People for Soil”. Il programma

Consumo di suolo, presentazione Rapporto Snpa

23/06/2017
Parteciperà anche la presidente Inu Silvia Viviani alla presentazione a Roma il 26 giugno prossimo del Rapporto sul consumo di suolo del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente. Il programma

Consumo di suolo, la legge non può aspettare

17/06/2017
La legge sul consumo di suolo è stata approvata dalla Camera e attende l’ok del Senato. Il sottosegretario Ilaria Borletti Buitoni invoca la conclusione dell’iter. L’intervento da La Stampa

Consumo di suolo in Lombardia, Arcidiacono: “Sul freno all’urbanizzazione la scelta è tornata ai Comuni”

14/06/2017
La legge regionale lombarda sul contenimento del consumo di suolo è realmente efficace rispetto agli obiettivi che si propone? Andrea Arcidiacono, vicepresidente Inu e componente del Centro di ricerca sui consumi di suolo, avanza dubbi. L’intervista da Edilizia e territorioil sito del quotidiano

A Milano presentazione dei rapporti sul consumo di suolo, c’è anche il Centro di ricerca con l’Inu

12/06/2017
Quest’anno sarà Milano la città in cui, il 4 luglio prossimo, verrà presentato lo stato ambientale dei suoli, e la presentazione sarà ad ampio spettro: grazie ad un ampio partenariato, verranno presentati insieme i rapporti che descrivono la situazione dei suoli a livello europeo, nazionale e, a scendere, fino a quello regionale. Si partirà dalla nuova edizione del rapporto del Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo (Politecnico di Milano, Istituto Nazionale di Urbanistica, Legambiente), che presenta un approfondimento a scala europea basato sulle analisi prodotte dalla CE sulle minacce al suolo negli Stati Membri, per poi presentare il rigoroso e puntuale rapporto ISPRA sul consumo di suolo in Italia, ed infine approfondimenti regionali, relativi all’analisi delle nuove legislazioni di alcune regioni del Nord Italia e l’approfondimento curato dal Politecnico di Bari. Sarà anche una giornata straordinaria di raccolta firme della Iniziativa dei Cittadini Europei #PEOPLE4SOIL

La torre che sfrutta il sole (anche quando non ce n’è)

06/06/2017
Un progetto innovativo nella provincia di Foggia sposa i vantaggi dell’energia solare con il contenimento del consumo di suolo. L’articolo del Corriere della Sera

App OPS, il crowdfunding per sostenerla

06/05/2017
logo-osservatorio

L’Osservatorio sul Consumo di Suolo in Campania dell’Inu Campania  – costituito insieme a Legambiente, al Dipartimento di Architettura (DIARC) dell’Università Federico II di Napoli e al Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo (CRCS) – da alcuni mesi è impegnato a promuovere,  anche grazie al Dipartimento di Informatica dell’Università di Salerno e all’Associazione di giovani pianificatori “Riscatto Urbano”, l’app OPS – acronimo di Osservatorio Paesaggio Suolo –  per permettere a singoli cittadini, in un ottica di cittadinanza attiva, di segnalare sia aspetti negativi che danneggiano il paesaggio che buone pratiche che lo valorizzano. Sul sito www.osservatorioconsumosuolo.campania.it c’è la spiegazione del funzionamento dell’app.  E’ stato lanciato un crowdfunding per rendere operativa l’app OPS e per implementarla su sistema IOS e Windows (attualmente è solo su Android). (altro…)

Diamo una legge al consumo di suolo

23/04/2017
La legge sul contenimento del consumo di suolo è stata approvata alla Camera e attende il via libera definitivo del Senato. Le ragioni a sostegno. L’articolo de l’Unità

GIORNATA DELLA TERRA, 500 associazioni lanciano un APPELLO al presidente Juncker: serve una direttiva per proteggere il suolo

20/04/2017
L’appello, rivolto a Claude Juncker e inviato in vista del 22 Aprile – Giornata Mondiale della Terra, fa riferimento all’obiettivo per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite ‘fermare il degrado di suolo a livello globale entro il 2030’ ed è rivolto alla Commissione Europea affinché faccia la sua parte, con la consapevolezza che le politiche europee hanno un’impronta molto profonda sui suoli e i territori del resto del mondo. A lanciarlo sono i promotori dell’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) “People4Soil”, a nome delle 500 organizzazioni che hanno aderito al network europeo (www.salvailsuolo.it). L’Inu fa parte della task force italiana. Al presidente della CE si chiede di fermare il consumo di suolo sviluppando un quadro legislativo vincolante per gli Stati Membri, che riconosca al suolo lo status di “bene comune” proprio come l’aria e l’acqua.  (altro…)

Consumo di suolo, che fare? Progetti ed esperienze

23/03/2017
Il 31 marzo prossimo a Torri del Benaco, in provincia di Verona, un convegno con la partecipazione dell’Inu presenta casi, esperienze, progetti in materia di contenimento del consumo di suolo. La locandina

“Il territorio consegnato alla speculazione fondiaria”

10/03/2017
La nuova legge urbanistica approvata dalla Giunta dell’Emilia-Romagna, presentata come uno strumento utile a ridurre il consumo di suolo. Ma gli effetti non rischiano di essere opposti? Un appello, pubblicato da il manifesto, lo sostiene

Consumo di suolo, ecco l’app per coinvolgere i cittadini

16/02/2017
Si chiama Ops ed è un’iniziativa virtuale e virtuosa per stimolare la partecipazione pubblica sul tema del consumo di suolo. Tra i promotori Inu Campania, nell’ambito dell’Osservatorio regionale sul consumo di suolo. L’articolo di Tekneco

App OPS, gli interventi alla presentazione

09/02/2017
Il 25 Gennaio scorso si è svolto l’incontro dedicato alla presentazione dell’APP OPS – Osservatorio Paesaggio Suolo presso la Facoltà di Architettura di Napoli Federico II. L’evento e l’iniziativa sono a cura dell’Osservatorio sul consumo di suolo in Campania, di cui fanno parte la sezione regionale e il Centro di ricerca sui consumi di suolo dell’Inu. Inizia così un periodo di test dell’applicazione che permettere a singoli cittadini, in un’ottica di cittadinanza attiva, di segnalare sia aspetti negativi che danneggiano il paesaggio che buone pratiche che lo valorizzano. Gli interventi alla presentazione e il sito dell’Osservatorio

Il presidente di Inu Campania illustra le potenzialità di OPS

05/02/2017
In un’intervista televisiva a Buongiorno Regione Campania (programma del Tgr) il presidente di Inu Campania Francesco Domenico Moccia spiega le potenzialità dell’app OPS su suolo e paesaggio. E’ un’iniziativa dell’Osservatorio Consumo di suolo Campania di cui fanno parte la sezione regionale e il Centro di ricerca sui consumi di suolo dell’Inu

Emilia – Romagna,”allargata” la legge urbanistica

29/01/2017
La bozza di legge dell’Emilia – Romagna su urbanistica e consumo di suolo subisce modifiche, secondo alcuni all’insegna di una maggiore tolleranza riguardo le possibilità di espansione. L’articolo del Corriere di Bologna

Siamo in pericolo: SALVA IL SUOLO con la tua firma

20/01/2017
logo_people4soil

Proprio in questo momento stiamo correndo un grave pericolo. Ogni minuto che passa il suolo è violentato, soffocato, contaminato, sfruttato, avvelenato, maltrattato, consumato.

In Europa, non esiste ancora una legge europea che difenda il suolo. Tutelare il suolo è il primo modo di proteggere uomini, piante, animali. Senza un suolo sano e vivo non c’è futuro. Un suolo sano e vivo ci protegge dai disastri ambientali, dai cambiamenti climatici, dai veleni nel piatto.

L’Istituto Nazionale di Urbanistica chiede di difenderlo dal cemento, dall’inquinamento e dagli interessi speculativi. Con noi, oltre 450 associazioni formano la coalizione People4Soil (in Italia l’Inu fa parte della task force che coordina la campagna) che chiede all’UE norme specifiche per tutelare il suolo, bene essenziale alla vita come l’acqua e come l’aria. Fare una nuova legge europea è possibile: prepara la tua carta d’identità e firma l’Iniziativa dei Cittadini Europei.

Firma la petizione qui:  https://www.salvailsuolo.it/

OPS, presentazione app sul consumo di suolo

19/01/2017
L’app “Osservatorio Paesaggio Suolo”  sarà presentata il 25 gennaio prossimo nell’ambito di un evento organizzato a Napoli dall’Osservatorio sul consumo di suolo in Campania, di cui fanno parte la sezione regionale dell’Inu e il Centro di ricerca sui consumi di suolo. Il programma

La Commissione Ambiente della Camera ha approvato la Risoluzione “Salvailsuolo”: la tutela dei suoli deve entrare nel diritto europeo. Il ruolo della coalizione con l’Inu

20/12/2016
Il suolo torna in Parlamento, questa volta per parlare all’Europa: è stata approvata oggi all’unanimità, dalla VIII Commissione della Camera dei Deputati, la risoluzione proposta dal suo Presidente, l’on.le Ermete Realacci, e firmata anche dai colleghi Borghi, Braga, De Rosa, Mannino, Pastorelli e Zaratti, con cui l’organo parlamentare impegna il Governo a farsi promotore nelle sedi internazionali, e in primo luogo a livello di Unione Europea, della adozione di strumenti giuridicamente vincolanti per la tutela dei suoli. Una risoluzione che si richiama esplicitamente alla petizione popolare europea People4soil, sostenuta da oltre 400 organizzazioni che aderiscono alla campagna in tutta Europa, e che in Italia sono guidate dalla coalizione #salvailsuolo formata da ACLI, Coldiretti, Fondo Ambiente Italiano, INU, Legambiente, LIPU, Slow Food, WWF. (altro…)

Quei 21mila chilometri quadrati di Italia perduti

07/12/2016
La presentazione dell’Annuario dei dati ambientali dell’Ispra fa emergere la fotografia di un Paese fragile, particolarmente esposto alle conseguenze del clima che cambia. I numeri. Gli articoli de l’Unità e Avvenire