Soci


INU ti sostiene/Sostieni INU

Lo scenario di crisi, al quale abbiamo dedicato il XXVI Congresso (Livorno 2011), vede nascere ipotesi di riorganizzazione delle autonomie locali che incideranno sul governo del territorio e che richiedono non solo alleanze ma soprattutto comuni fronti d’azione. L’INU per Statuto, per ricerche prodotte e attività fatta, ha gli strumenti e l’esperienza necessaria per innalzare il dibattito nazionale sui temi tipici dei territori locali, ma abbiamo bisogno di una vasta base associativa e di un comune lavoro di squadra tra le varie categorie dei soci.
Comprendiamo le gravi difficoltà nelle quali si trovano, prima di tutti gli enti pubblici, ma sappiamo che dobbiamo impegnarci insieme a difesa del ruolo di presidio delle istituzioni nella salvaguardia e nella gestione dei patrimoni territoriali nel nostro Paese a difesa della pianificazione.
Questa convinzione si è rafforzata anche con l’entrata in vigore, lo scorso 28 dicembre 2011, della manovra “Salva Italia”, in virtù della quale si apre una fase nuova per le politiche locali nel campo del governo del territorio. Accanto ai segnali con carattere di positivi e necessari principi, non vi sono elementi in grado di compensare, almeno in parte, la pesantezza dei tagli alla finanza locale, agli Enti locali, ed a quella parte della spesa pubblica indispensabile per il governo del territorio e la costruzione della “città pubblica”.

Per questi motivi lanciamo una Campagna associativa straordinaria INU ti sostiene/Sostieni INU

Come associarsi

Per associarsi all’INU occorre presentare al Presidente della Sezione di competenza (per residenza o luogo di lavoro) una domanda (di cui potete scaricare il modello [.doc 44 Kb]), sottoscritta da due Membri effettivi dell’Istituto e accompagnata da un breve curriculum e dalla ricevuta di pagamento della quota associativa per il primo anno. I Consigli direttivi regionali approvano le domande e le trasmettono alla sede nazionale per la ratifica e la registrazione.

Per gli Enti pubblici che intendono associarsi è sufficiente inviare alla sede nazionale dell’Istituto la delibera degli organi competenti (di cui potete scaricare il modello [.rtf 15 Kb]) oppure può essere richiesto all’INU), contenente anche l’impegno di spesa per la prima quota annuale, oppure anche solo una copia della ricevuta del versamento della quota associativa.

Gli Enti associati nominano il proprio rappresentante, al quale vengono inviate le riviste e le comunicazioni sociali; potranno comunque farsi rappresentare da altri, in particolari occasioni, dandone comunicazione scritta all’Istituto.

I Membri effettivi – di norma scelti tra i soci che si siano distinti negli studi, nelle ricerche o nell’attività professionale, oltre che in quella associativa – sono nominati dal Consiglio Direttivo Nazionale, su proposta e parere motivato delle Sezioni.

Tutti i soci sono tenuti al pagamento della quota associativa annuale (da effettuarsi entro il 20 febbraio 2012).

Solo i Soci in regola con il pagamento delle quote associative possono partecipare alle Assemblee regionali, all’Assemblea nazionale e candidarsi alle cariche sociali.
Il mancato pagamento della quota associativa comporta dapprima la sospensione della spedizione delle riviste e poi la cancellazione dall’Albo dei soci.

I versamenti delle quote associative vanno effettuati:

  • con bollettino di c/c postale n. 97355002 intestato a “INU c/Soci”, Piazza Farnese 44 – 00186 Roma
    Causale: quota associativa anno…………..(specificare)
    (scaricare il modello del bollettino [.pdf 104 Kb]
  • con bonifico:
    • Banco Posta: intestato a “INU c/Soci”, Piazza Farnese 44 – 00186 Roma
      IBAN IT11N0760103200000097355002
      Causale: quota associativa anno………..(specificare)
    • Unicredit Banca di Roma (Largo di Torre Argentina 14 – 00186 Roma):
      intestato a “INU”, Piazza Farnese 44 – 00186 Roma
      IBAN IT24N0200805205000400299694
      Causale: quota associativa anno………..(specificare)

Dopo aver pagato la quota associativa, inviare la comunicazione via fax (06/68214773) o via mail (serviziosoci@inu.it) alla sede nazionale compilando il seguente modulo:

  • Comunicazione per il Membro effettivo (scarica il modello [.pdf 128 Kb])
  • Comunicazione per il Socio Aderente (scarica il modello [.pdf 130 Kb])
  • Comunicazione per l’Ente Associato (scarica il modello [.pdf 81 Kb])

 I vantaggi del socio

L’associazione all’INU dà diritto a partecipare alla sua attività sociale e a ricevere le relative comunicazioni (inviti a manifestazioni, informazioni su attività e iniziative, convocazioni di assemblee e riunioni, etc.).

Il pagamento della quota associativa, a seconda della modalità scelta,  comprende l’abbonamento a Urbanistica Informazioni e/o Urbanistica Informazioni online (per gli Enti associati anche alla rivista Urbanistica).  Esistono altri numerosi vantaggi: per i membri effettivi e per i soci aderenti lo sconto sull’abbonamento ad Urbanistica (il costo speciale è di 64 euro l’anno da versare unitamente alla quota associativa) e il 20% di riduzione sul prezzo di copertina di Urbanistica Quaderni e di tutte le pubblicazioni del catalogo INU Edizioni srl (che per altro distribuisce anche pubblicazioni di altri editori).

Abbonamenti a prezzo scontato per i soci sono possibili per “Universo” rivista dell’IGM, “Edilizia Popolare” rivista di Federcasa – Aniacap e “Estimo e territorio” edita da Calderini.
Inoltre uno sconto minimo del 20% è riconosciuto ai Soci anche sulle quote di partecipazione a tutte la manifestazioni nazionali e regionali dell’Istituto, e/o per l’acquisizione dei relativi materiali, nonché sulle quote di partecipazione ai corsi della Fondazione Astengo e in genere a tutti i servizi offerti dall’INU.

Per gli Enti associati sconti e agevolazioni si intendono estesi a tutti i rappresentanti accreditati presso l’Istituto (amministratori, dirigenti e funzionari).

I vantaggi speciali per gli Enti associati

Da questo anno con l’adesione gli Enti associati possono ottenere dall’INU:

  • assistenza e supporto nei campi della pianificazione territoriale, dell’urbanistica, ovvero fornire con gli strumenti dell’INU (la Fondazione Astengo, le Commissioni nazionali, i Gruppi di Lavoro) approfondimenti utili per le politiche locali e la loro messa in opera
  • aiuto per organizzare iniziative ed eventi su temi specifici che possano incontrare le esigenze dell’Ente sui temi del governo del territorio e spazi riservati sui nostri strumenti editoriali, ovvero una vasta attività di divulgazione scientifica e disciplinare attraverso le riviste Urbanistica, Urbanistica Informazioni e Urbanistica Informazioni online. Ma anche strumenti più mirati e specialistici come Urbanistica Dossier e Urbanistica Quaderni, oppure la rivista Planum on line, prima rivista europea in rete totalmente indirizzata ai pianificatori, non solo europei e alla comunità scientifica, accademica e tecnica interessata ai temi dello sviluppo urbano e alla tutela dell’ambiente
  • consultazione dell‘Archivio storico e della Biblioteca dell’INU. Entrambi sono stati recentemente certificati dalla Sovrintendenza dei beni librari del Lazio come bene di interesse storico e culturale. Qui è possibile fare ricerche mirate e specializzate per i temi dell’urbanistica e della pianificazione. Inoltre è in via di attivazione una banca dati on line sugli indici completi (a cominciare dal numero 1) delle riviste Urbanistica, Urbanistica Informazioni, Urbanistica Dossier e Urbanistica Quaderni, nonchè di tutte le ricerche in conto terzi che INU ha svolto nel corso degli anni. La banca dati conterrà anche il catalogo delle pubblicazioni dell’Istituto.

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


otto − 2 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>