Stefano Stanghellini

Stefano Stanghellini è stato presidente dell’INU dal 1993, insediato dopo il XX Congresso dell’Istituto, al 2001. Precedentemente ha ricoperto la carica di Tesoriere nazionale (dal 1984 al 1987) e di Presidente della Sezione Emilia-Romagna (dal 1986 al 1993).

E’ stato Presidente della Fondazione Giovanni Astengo dal 1998 al 2006, ed attualmente è Presidente di Urbit – Urbanistica Italiana, l’organismo dell’Istituto organizzatore di Urbanpromo dal 2004.

Dal 2005 è Presidente della Siev, Società Italiana di Estimo e Valutazione.

 

Nato a Firenzuola (FI) nel 1949, laureato in Architettura presso l’Università di Firenze nel 1974, è residente a Bologna. E’ iscritto all’Albo degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Bologna.

E’ professore ordinario in Estimo presso l’Università IUAV di Venezia dal 2000 ove tiene i corsi di Estimo e di Valutazione Economica del Progetto, dopo essere stato professore associato dal 1992 e ricercatore dal 1984 presso la stessa Università.

Ha tenuto lezioni e seminari in numerosi Corsi di laurea e post-laurea (Corsi di specializzazione, Master, Dottorati di Ricerca) di Università italiane ed estere.

Nell’Università IUAV di Venezia, dal 2009 è responsabile scientifico dell’ Unità di Ricerca “Il partenariato pubblico privato per la competitività della città”.

Nel 2006-08 per incarico delle Province di Pordenone e di Treviso ha collaborato alla ricerca “CoUrbit – Complex Urban Investment Tools”, coordinata dall’Università Bocconi, curando con S. Copiello il rapporto “Il partenariato pubblico privato nelle città italiane quale driver del cambiamento: forme partenariali, contesto territoriale, strumenti, esiti” (si veda: R. Dalla Longa (ed.), Urban Models and Public-Private Partnership, Springer, Heidelberg, 2011).

Negli anni 2005-06 hapartecipato al Programma di ricerca scientifica di rilevante interesse nazionale (Prin 2005-06) in qualità di responsabile dell’Unità di ricerca su “Gli effetti economici dei nuovi insediamenti universitari sul Centro storico di Venezia” (si veda: S. Stanghellini, “Le trasformazioni di S. Marta a Venezia dal 1995 al 2005: il modello di valutazione” in E. Mollica (a cura di), Sistemi economici locali e mercati immobiliari. La misura degli effetti originati da interventi di trasformazione urbana, Gangemi Editore, Roma, 2007).

Negli anni 2002-03 è stato Coordinatore nazionale del Prin 2002-03 su “La selezione dei progetti e il controllo dei costi nella riqualificazione urbana e territoriale” e Responsabile dell’Unità di ricerca dell’Università IUAV di Venezia. Gli esiti sono pubblicati in: S. Stanghellini (a cura di), La selezione dei progetti e il controllo dei costi nella riqualificazione urbana e territoriale, Alinea, Firenze, 2004.

Fra le attività di ricerca confluite in pubblicazioni tecnico scientifiche figura la collaborazione prestata alla redazione di alcuni manuali: il Codice dell’Urbanistica, dell’Edilizia e del Governo del Territorio, UTET, Milano, 2006 (aggiornato nel 2010), voce: “Estimo dei Terreni e dei Fabbricati”; il “Codice delle valutazioni immobiliari” edito da Tecnoborsa Scpa (Unioncamere), Roma, di cui ha diretto la ricerca scientifica per la prima ( 2000) e la seconda edizione (2002); il Manuale di progettazione edilizia, vol. 6, Hoepli, Milano, 1995, varie voci fra cui: “Espropriazione per pubblica utilità”, “Stima dei lavori”, “Il costo globale”.

Fra le altre più recenti pubblicazioni:

-          Il negoziato pubblico privato nei progetti urbani: principi, metodi e tecniche di valutazione (curatore), Roma, 2012.

-          “Perequazione, compensazione, incentivi per un progetto di città”, Urbanistica, 163, 2010.

-        “Riflessioni e proposte per una perequazione sostenibile” in S. Perrone e I Zetti (a cura di), Il valore della terra. Teorie e applicazioni per il dimensionamento della pianificazione territoriale, FrancoAngeli, Milano, 2010.

-        “La valutazione integrata nel Piano Comunale della Legge Regionale n. 11/2004 del Veneto: il caso di Portogruaro” (con G. Campeol, S. Copiello, R. Lioce) in V. Bentivegna e S. Miccoli, Valutazione Progettazione Urbanistica. Metodologia e applicazioni, Dei, Roma, 2010.

-        “Perequazione, compensazione e incentivi per un progetto di città”, Urbanistica, 142, 2010.

-         “Il Catasto nelle nuove tendenze urbanistiche di gestione integrata di area vasta” in: E. Marone (a cura di), “Il catasto nelle politiche di fiscalità immobiliare e di governo del territorio”, Firenze University Press, 2009.

-          “Il principio perequativo nel piano urbanistico” in: A. Bartolini e A. Maltoni (a cura di), “Governo e mercato dei diritti edificatori. Esperienze regionali a confronto”, Editoriale Scientifica, Perugia, 2009.

-          “La perequazione urbanistica: aspetti valutativi ed estimativi” in: C. Trillo (a cura di), “Perequazione e Qualità Urbana – Tranfer of Development Rights and Urban Form”, Alinea, Firenze, 2009.

-          “Risorse pubbliche, espropri, necessità delle città”, in P. Galuzzi e P. Vitillo (a cura di), “Rigenerare le città. La perequazione urbanistica come progetto”, Maggioli, Rimini, 2008.

-           “Obiettivi, modelli e tecniche di perequazione urbanistica” in S. Carbonara e C. M. Torre (a cura di), Urbanistica e perequazione: dai principi all’attuazione, Franco Angeli, Milano, 2008.

-           “Il Piano Strategico e i suoi principali strumenti operativi: l’Analisi Swot e il Bilancio Sociale” (con P. Lombardi) in F. Archibugi e A. Saturnino (a cura di), Pianificazione strategica e governabilità ambientale, Alinea, Firenze, 2004.

-           “La creazione di valore negli ambiti urbani delle Medie Stazioni”, in D. Pini e F. Boschi (a cura di), Stazioni ferroviarie e riqualificazione urbana, Editrice Compositori, Bologna, 2004;

-          “La perequazione nel piano regolatore di Catania”, Urbanistica, 122, 2003.

-          “La valutazione dei programmi di riqualificazione urbana proposti dai soggetti privati” (con T. Mambelli), Scienze Regionali, 1, 2003.

-           “La ricostruzione in Umbria: aspetti gestionali e finanziari” in G. Nigro e F. S. Sartorio (a cura di), Ricostruire la complessità. I PIR e la ricostruzione in Umbria, Alinea, Firenze, 2002.

-           “Urbanistica, tributi e catasto: tre riforme complementari per il governo del territorio” in F. Curti (a cura di), Urbanistica e fiscalità locale, Maggioli, Rimini, 1999.

-          Le società miste di trasformazione urbana, Urbanistica Dossier, Inu Edizioni, Roma, 1998.

-          Il nuovo Catasto dei Comuni. Le microzone e gli altri adempimenti previsti dal Dpr 138/98, Maggioli, Rimini, 1998.

 

Dal 2006 ad oggi è membro del Comitato paritetico di attuazione dei “Contratti di Quartiere II” in Emilia-Romagna, su nomina del Ministero delle Infrastrutture e della Regione.

E’ stato membro, negli anni 2000-01 su designazione del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, della Commissione presso il Consiglio di Stato che ha redatto il “Testo Unico delle Leggi sulle Espropriazioni per Pubblica Utilità” (Dpr 8 giugno 2001, n. 327).

Ha fatto parte, nel 1999, della Commissione del Ministero dei Lavori pubblici che ha redatto la “Circolare esplicativa sulle Società di trasformazione urbana (STU)” (Circolare 11.12 2000, n. 622).

Dal 1993 al 1995, su incarico del Ministero dei Lavori pubblici, ha fatto parte del Comitato di Esperti incaricato della revisione dei limiti massimi del costo di costruzione dell’Edilizia residenziale pubblica e del progetto per l’Osservatorio nazionale dei costi di costruzione.

La sua attività professionali si sviluppa in più settori, di cui si citano i principali lavori:

-          piani urbanistici e territoriali di concezione strategica: Piano Strutturale Associato della Sibaritide, Piano di Assetto del Territorio di Portogruaro (VE), Piano Regolatore Generale di Rovereto, studi funzionali alla predisposizione dell’Accordo Territoriale del PTCP di Forlì-Cesena per le Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (Apea),”Progetto Centro Storico di Forlì, Piano delle Strategie di Tolentino (MC), Piano strategico per la città di Rossano (CZ), Progetto pilota complessità territoriali per la Provincia di Varese, “Progetto Montagna Bresciana” per la Provincia di Brescia, Piani Strategici delle Città di Trieste, Modena, Vicenza, Catania, Siracusa e Agrigento.

-          perequazione e compensazione urbanistica: PRG di Catania, Piano Strutturale e Regolamento Urbanistico di Prato, Regolamento Urbanistico di Grosseto, Piano degli Interventi di Arzignano (VI), Programma di Riqualificazione Urbana e Piano operativo Comunale per la Darsena di Ravenna, consulenza per la legge della Regione Umbria;

-          studi di fattibilità: società di trasformazione urbana (STU) per il Centro storico di Palermo, forme di partenariato per ambiti di trasformazione a Pescara, STU Campo Boario a Jesi (AN), progetto norma della “Declassata” a Prato, riqualificazione e riuso del Pavaglione a Lugo (RA), STU per il waterfront di Marsala, realizzazione in Basilicata della Città della Pace per i Bambini, STU per Cerignola (FG), STU per quadrante sud-ovest di Udine, STU per il nodo intermodale ferro-gomma di Cesena, piano economico finanziario per il completamento dell’Arcispedale S. Anna in Cona, STU per l’area della Stazione a Crotone;

-          valutazioni economico-finanziarie per progetti in partenariato pubblico-privato: Piano degli Interventi di Verona, Masterplan per la trasformazione di insediamenti produttivi a Bastia Umbra (PG), recupero dell’area ex Lanerossi a Dueville (VI), Futurshow Station a Casalecchio di Reno (BO); qualificazione urbanistica delle aree ex Stazione Autolinee e Follone a Rovereto, programma Urban II a Crotone;

-          stima del valore di beni immobili complessi per incarico di Enti pubblici e di società private.

 

 

I commenti sono chiusi.