Domenico Delli Santi

Domenico DELLI SANTI (Barletta, 3 gennaio 1879 – Roma, 2 novembre 1951), avvocato amministrativista, è stato Commissario delegato alla Presidenza dell’INU, indicato dal Consiglio Direttivo provvisorio, dal 1944 al 1948, in una fase assai travagliata per la vita dell’Istituto.

Immesso in carriera ministeriale per pubblico concorso il 15 luglio 1905, ha prestato servizio presso le sedi di Lecce, Pavia, Ministero, Modena, Ministero per le Terre Liberate, Ministero, Chiavari, La Spezia, Trieste, Ministero dell’Economia Nazionale (a disposizione del Sottosegretario), Ministero. Viceprefetto a disposizione del Prefetto di Torino per incarico presso quella Amministrazione Comunale.
Nominato prefetto di 2ª classe il 16 dicembre 1926, è stato Regio Commissario del Comune di Palermo da aprile ad agosto del 1925 ed Ispettore Generale nell’Alto Adige. Ed infine Segretario Generale del Governatorato di Roma (dicembre 1926 – ottobre 1928). Collocato a riposo per ragioni di servizio nel novembre 1928, si dedico all’attività forense e a quella culturale.

Durante la prima guerra mondiale fu nominato Commissario Civile in zona di operazioni e Capo di Gabinetto del Segretario Generale Civile del Comando Supremo.
Commendatore dell’Ordine della Corona d’Italia. Ufficiale dell’Ordine Mauriziano.

È stato direttore responsabile della rivista Capitolium, rassegna di attività municipale del Comune di Roma dal 1925 al 1936; e condirettore, con Pietro Baldassarre, della rivista mensile Concessioni e Costruzioni, (rivista attiva tra il 1939 e il 1943).
Il 23 febbraio 1947 entrò a far parte del Consiglio di Amministrazione della Banca di Roma.

Scritti:
«L’opera del Governo Fascista per Roma (1927-28)», in Capitolium, 1927-28, III, pp. 637-656

 

I commenti sono chiusi.