Visita al Quartiere Casanova a Bolzano

17/10/2014
BZBOLZANO : Visita al nuovo insediamento Casanova
La visita al quartiere Casanova di Bolzano si svolgerà venerdì 17 ottobre 2014.
Speriamo che nell’occasione della visita sia gia attiva la fermata della ferrovia Casanova che permetterà partendo dalla Stazione centrale di arrivare al quartiere usufruendo del servizio urbano delle ferrovie.
Eco quartiere Casanova. Sostenibilità urbana a Bolzano

Quartiere Casanova di Bolzano, città da sempre attenta ai temi del risparmio energetico e della progettazione sostenibile, è basato su un impianto urbanistico con otto corti residenziali in cui sono previsti 941 alloggi per circa 3.500 persone e una corte con funzione mista (residenziale, commerciale, terziario e pubblico) posta al centro del quartiere.

2001 – Il Comune acquista a libero mercato un terreno agricolo di circa 10 Ha per costruire un nuovo quartiere da destinare ad edilizia sociale. Viene redatto il progetto urbanistico.
2007 – Inizia la costruzione
2012 -  Sono presenti 1340 unità abitative e 706 famiglie sono residenti.
2015 -  E’ previsto un asilo nido e la scuola materna, la stazione ferroviaria Casanova.
2016 -  E’prevista la realizzazione di alloggi per anziani e la realizzazione della pista ciclabile.

Gli edifici, costruiti in classe A e B, sono dotati di tetti verdi, murature spesse e ben isolate e superfici vetrate di differenti dimensioni a seconda dell’orientamento dei fronti. A livello impiantistico sono stati adottati accorgimenti per la riduzione del consumo di energia quali teleriscaldamento, pompe di calore geotermiche, riscaldamento e raffrescamento a pannelli radianti e sistema di ventilazione controllata con recupero termico.

BZ1
A scala di quartiere, l’approccio ecologico è dato da scelte quali il recupero delle acque meteoriche riutilizzate per l’irrigazione, la conservazione di ampie superfici permeabili a verde e la formazione di una zona umida (biotopo) lungo la ferrovia, capaci di produrre effetti favorevoli sul microclima.
La forma e l’orientamento delle corti, compatte e pensate con altezze decrescenti verso sud per evitare ombreggiamenti tra edifici, favoriscono il guadagno solare passivo, la protezione dai venti freddi invernali e l’incanalamento di quelli estivi. Un impianto solare termico centralizzato è stato integrato nella barriera antirumore prevista lungo la ferrovia, coprendo quasi totalmente il fabbisogno energetico per la produzione di acqua calda sanitaria per l’intero quartiere.

L’integrazione tra l’area di intervento e il centro cittadino è stata raggiunta mediante percorsi ciclo-pedonali e linee di trasporto pubblico, contribuendo così a diminuire il sistema della mobilità automobilistica con un sistema viario interno pianificato per un afflusso del traffico limitato grazie alle strade volutamente tortuose. L’area di progetto coinvolge la presenza della linea ferroviaria che costituisce un’importante occasione per attivare il progetto della “ferrovia metropolitana”: posizionando nelle immediate vicinanze la nuova stazione, forte elemento di riconoscimento e snodo fondamentale per la mobilità di tutta l’area, viene potenziato ulteriormente il sistema di trasporto pubblico, tematica tra le più importanti da tenere in considerazione per un approccio sostenibile a scala urbana.


BZ2

Programma della visita

  • Ore 10,00/10,45 Arrivo alla Stazione ferroviaria di Bolzano (punto di ritrovo atrio biglietteria)
  •  Ore 11,00/11,30 Treno/Bus da Bolzano alla Stazione Casanova
    Visita guidata all’insediamento Casanova
  • Ore 13,10 Treno da Stazione Casa Nova a Bolzano Stazione
  • Ore 13,30/15,00 Pranzo conviviale
  • Ore 15,15/16,45 Incontro con l’Assessorato al territorio del Comune di Bolzano
  • Ore 17,00 Rientro (freccia argento Bolzano – Verona – Bologna – Firenze – Roma)

Verrà fornito a tutti i partecipanti un testo relativo al tema della visita.
Max. 30 partecipanti.
Costo per persona 40 € comprendente il pranzo e trasporto locale.

L’iniziativa è promossa dall’INU e dalla Sezione INU Alto Adige-Südtirol.
Referente: Mario Piccinini (cell. 3470127682)
Sezione INU Alto Adige-Südtirol, Presidente: Michele Stramandinoli (32824988749)

Il programma .pdf

Tag articolo:  
 

I commenti sono chiusi.