L’Inu al convegno Audis sulla rigenerazione urbana: “Risorse e semplificazione le priorità per le città”

16/05/2014
“Una seria e lungimirante politica per le città, quello che ancora manca al nostro Paese, passa innanzitutto per il reperimento delle risorse necessarie a mettere in atto i programmi di riqualificazione e rigenerazione urbana Che provengano esse dai fondi europei o da un’intelligente politica di ripartizione che riservi quote di fiscalità alla città, spetta ai decisori politici stabilirlo”. Lo ha detto la presidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica, Silvia Viviani, intervenendo al convegno dell’Audis a Modena “Rigenerare l’Italia” dove alla presenza dei rappresentanti dei principali portatori di interesse, come costruttori, architetti, ambientalisti e ingegneri, è stato presentato il Documento sulla rigenerazione urbana. 

Viviani prosegue: “Tuttavia un prerequisito fondamentale all’avvio del programma e a una corretta ed efficiente politica di allocazione delle risorse è la semplificazione. Un ritorno dai diversi linguaggi dell’urbanistica e dell’architettura a un unico linguaggio, che dia luogo a un prontuario di regole valide sull’intero territorio nazionale, così che vi sia certezza di termini e significati, in una cassetta degli attrezzi non negoziabile, mitigando il ricorso alle mediazioni interpretative, ridando centralità al progetto. Così si sposteranno le energie disponibili dagli appiattimenti burocratici a formazione professionale, ricerca disciplinare, avanzamento culturale, rappresentazione delle città e dei territori, qualità dei piani”.

In questo quadro, ha spiegato la presidente dell’Inu, “è improcrastinabile un programma (questo sì, straordinario) di semplificazione legislativa, che aiuti la coerenza delle politiche e dei piani. La miriade di leggi e regolamenti in vigore sul nostro territorio nazionale vanno riportate a un unico schema comune, all’interno del quale le diverse politiche si potranno confrontare e le buone pratiche emergere come migliori. L’auspicio è che la riforma del Titolo V della Costituzione, che riguarderà inevitabilmente anche le competenze in materia di urbanistica e governo del territorio,  sia la premessa per una nuova primavera della nostra disciplina, possibile con il contributo di tutti, amministratori e professionisti”.

Per informazioni
Andrea Scarchilli
ufficio stampa Istituto Nazionale di Urbanistica
cell: 329.6310585
mail: ufficiostampa@inu.it

Articolo pubblicato in: Senza categoria
Tag articolo:  
 

I commenti sono chiusi.